Accetti le clausole di app e social network senza leggere? Un inquietante documentario ci svela in cosa consistono

terms-and-conditions-may-apply

Cullen-Holb

Hai letto le condizioni prima di scaricare la app?” “Accetti i termini per iscriverti al social network?” sono le classiche domande che tutti noi abbiamo letto ed accettato, decine di volte. Per iscriverci a Facebook, Twitter, Instagram, Google, Youtube, Pinterest o anche per le app che scarichiamo dagli stores online. Clicchiamo su “accetta” e cominciamo la nostra esperienza multimediale. Però, diciamoci la verità, quanti di noi hanno mai letto le lunghissime pagine di termini e condizioni per l’utilizzo? Quasi nessuno. Innanzitutto perché sono davvero tante e in secondo luogo… perché sono incomprensibili!

E’ proprio per questa studiata impossibilità a comprendere ciò che stiamo accettando che il regista americano Cullen Hoback (in foto) ha girato un documentario molto interessante – e al tempo stesso molto inquietante – intitolato  “Terms and Conditions May Apply” in cui svela quelle che sono le varie condizioni di utilizzo delle nostre amate app o degli inseparabili social network. Eccone un piccolo assaggio:

Leggi tutto

Nessuno tocchi i “Like” di Facebook, parola della Costituzione Americana

logo FB

Che nell’era dei social network, Facebook in primis, l’espressione delle proprie preferenze, in qualsiasi ambito, sia diventata ormai di dominio pubblico è cosa assai risaputa. Il Like it, o Mi piace che dir si voglia, con il pollice in su è diventato praticamente un marchio, riconoscibilissimo, che persino alcune case automobilistiche hanno scelto per le loro propagande pubblicitarie, qualcuna addirittura sulla vettura in questione.

Ecco perché, in assoluta libertà di pensiero, quando Daniel Day Cartervice sceriffo di Hampton, in Virginia, ha espresso la sua preferenza, ovvero un like, per Jim Adams, diretto rivale del suo capo, non immaginava che di lì a qualche giorno sarebbe stato licenziato in tronco. Ed è scoppiato il caso. 

Leggi tutto

iPhone 5S e Touch ID, così semplice che può sbloccarlo persino un gatto. Ecco il video!

Cat-Touch-ID

Pochi giorni sono passati dalla presentazione del nuovo iPhone 5S al Keynote della Apple e una delle feature più discussa è quella del lettore di impronte digitale. Qualche polemica sulla violazione della privacy e molta curiosità intorno a questa nuovissima caratteristica hanno alimentato un certo scompiglio. Tuttavia, nell’attesa di poter finalmente toccare con mano – è proprio il caso di dirlo – l’ultimo nato dell’azienda di Cupertino e il sofisticato software Touch ID che permette di sbloccare il nostro dispositivo Apple attraverso l’autenticazione delle nostre dita con un semplice tocco, il privilegiato che ha provato l’ebrezza della prima volta è stato…un gatto!

A quanto pare, quindi, il sofisticato procedimento non è limitato solo a noi comuni mortal...

Leggi tutto

Bitcoin, la moneta digitale che aiuta i senzatetto

cover homeless

Jesse Angle è un senzatetto, uno dei tanti che vive per le strade di Pensacola, in Florida. A volte trascorre la notte in una chiesa del posto, altre volte dorme nei pressi di un edificio al centro della città, sotto una tettoria che lo protegge dalla pioggia, ma non dal freddo. Ogni mattina si sveglia, prende un po’ di cibo in piazza Martin Luther King (che è anche un parco del centro in cui si ritrova molto spesso con i suoi amici homeless come lui) ed insieme usano internet per guadagnare qualcosa.

Il parco, infatti, ha il wi-fi libero e Jesse, grazie al suo computer portatile, guarda i video su YouTube in cambio di Bitcoins, ovvero la moneta digitale più diffusa al mondo. Per ogni video guardato, Jesse Angle ottiene 0...

Leggi tutto

“Too many friends” dei Placebo: come la tecnologia ci fa sentire tutti più soli

placebo cover

Placebo, nota rock band inglese guidata dal frontman androgino Brian Molko, sono tornati on air con il nuovo album ‘Loud Like Love’ uscito il 16 settembre, dopo 4 anni di attesa dal grande successo di ‘Battle For The Sun’ del 2009. Il primo singolo scelto per anticipare l’undicesimo lavoro in studio è Too Many Friends, di cui vi proponiamo l’interessante video, oggetto del mio articolo: 

Leggi tutto

Tel Aviv mira a diventare la nuova Silicon Valley

The Pinnacle List

Tel Aviv mira in alto e corre alla velocità della luce. Il suo obiettivo? Diventare la nuova Silicon Valley e, di questo passo, potrebbe riuscirci molto presto. Una grande ambizione per la città israeliana con 1,3 milioni di abitanti. Se vi sembra impossibile dovrete ricredervi, perché la city è incredibilmente diversa da quello che era negli anni ’90.

Oggi il centro israeliano è la sede di migliaia di start-up, oltre 5000, ed è in lizza con altri hub tecnologici globali come Mosca, Londra, New York e Berlino per diventare il nuovo punto di riferimento per le società. Quello che la contraddistingue dalle città “concorrenti” è proprio la quantità di giovani imprese e l’energia creativa che la città emana...

Leggi tutto